Il Preside del Liceo "Virgilio" di Empoli ci ha convocato presso la sede dell'istituto per invitarci a pubblicare sul nostro sito una rettifica a un  precedente articolo, in cui denunciavamo il fatto senza però individuare la scuola. Siamo rimasti contenti per l'invito, stupiti nel vederci riciclare la smentita confezionata per Repubblica, contrariati nell'apprendere che non era inizialmente previsto che dicessimo la nostra opinione, senza parole quando abbiamo saputo che, appena mezz'ora dopo averci congedato, il dirigente scolastico ha rilasciato una conferenza stampa dai contenuti non aderenti ai documenti da noi esaminati. Ecco comunque pubblicata la smentita.

 


 

 

 

 

Come il giornalista di Repubblica, anche noi siamo in diritto di commentare alcune affermazioni:
  • Abbiamo prestato fede non "a fonti assai poco attendibili, omettendo colpevolmente le opportune verifiche", bensì ai bilanci della scuola, che abbiamo esaminato approfonditamente con i nostri esperti.
  • I revisori dei conti formulano un parere eminentemente contabile, anche se avrebbero dovuto contestare e segnalare al Ministero il fatto che il contributo dei genitori finisse nel funzionamento amministrativo. C'è poi da capire per quale motivo, se i revisori hanno approvato il conto consuntivo il 6 giugno, non si sia rispettata la scadenza tassativa del 14 giugno, attendendo fino al 27 giugno per l'approvazione da parte del Consiglio. Anzi il preside avrebbe dovuto segnalare l'omissione all'Ufficio scolastico, facendo commissariare il Consiglio stesso.
  • Le dimissioni sono un atto volontario, ossia il contrario della sfiducia, che poi alcuni consiglieri sono andati a votare. Ovviamente tale votazione è del tutto illegittima, in quanto la sfiducia non è stata richiesta anticipatamente né posta all'ordine del giorno (da notare che erano assenti due consiglieri).
  • Dalle carte che il preside ci ha mostrato, emerge senza ombra di dubbio che la "richiesta di dimissioni" è stata firmata da due soli consiglieri, mentre altri sei, "vista l'importanza dell'argomento", hanno chiesto che se ne parlasse nella successiva seduta.
  • La parte contabile fa sorridere: "solo una parte minoritaria non è vincolata a scopi specifici e ineludibili", "i contributi delle famiglie sono in larga misura vincolati"; si tratta infatti di appena 266.622,66 euro di avanzo di amministrazione non vincolato, costituito nella quasi totalità da contributo volontario dei genitori non speso.
  • Nessuno ha mai contestato al Liceo Virgilio di usare il contributo dei genitori per pagare i supplenti.
  • Se ci saranno ripercussioni sulle entrate dell'istituto, ciò sarà unicamente da attribuire a chi finora ha male operato, essendo legittimo e anzi doveroso denunciare il malfunzionamento del pubblico servizio, soprattutto qualora chi ne è responsabile rifiuti di ascoltare le legittime richieste dell'utenza. E anche responsabilità di chi, a forza di smentite, causa la ripetuta pubblicazione delle notizie sui giornali locali.


Joomla templates by a4joomla