MedicinaliFarmaci sì, farmaci no: è responsabilità comune farne un uso corretto. E quando i pazienti sono i bambini, sta ai genitori saper discernere e indicare il comportamento da tenere.
Al fine di fornire alle famiglie l’opportunità di una corretta informazione in materia, l’Associazione Genitori A.Ge. di Massa, in collaborazione con la ASL n. 1 di Massa e Carrara, ha organizzato il Convegno “I farmaci dall’uso all’abuso”, che si terrà sabato 22 novembre dalle ore 9,00 alle 13,00 presso la sala Congressi dell’APT di Marina di Massa.     

Destinatari privilegiati sono i genitori con figli in età scolare –dichiara Patrizia Menchini, Presidente dell’A.Ge. Massa- soprattutto se questi ultimi praticano attività sportive. I relatori affronteranno tematiche importanti come la relazione con il bambino durante la malattia, i farmaci in età evolutiva, le opportunità e i rischi dell’automedicazione: tutti temi di grande interesse per le famiglie, che spesso vivono il rapporto con la malattia del bambino in modo non consapevole e ansioso”.       

Ad esempio, nel caso di malattie croniche che richiedono terapie farmacologiche anche pesanti ci vuole una collaborazione stretta fra medici, famiglia e bambino per favorire al massimo la partecipazione del bambino alla terapia. I farmaci, soprattutto quelli salva vita, non vanno vissuti come uno spauracchio ma utilizzati quando necessario proprio in quanto migliorano la qualità della vita del paziente.      

Altro aspetto da non trascurare è l’utilizzo di farmaci e integratori al di fuori del controllo medico, soprattutto in ambito sportivo. Quando un adolescente passa dallo sport non agonistico a quello agonistico occorre che i genitori facciano attenzione a quale uso si fa degli integratori, in quanto si tratta di sostanze che a lungo andare potrebbero dare effetti collaterali e spesso costituiscono altresì l’anticamera per l’uso di sostanze non consentite.      

Un monito per il corretto uso dei farmaci verrà dal dott. Vittorio Garra del Dipartimento Farmaceutico della ASL 1: “Il progressivo invecchiamento della popolazione, con aspettativa di vita che presto potrebbe raggiungere i 120 anni –mette in guardia il dott. Garra- determinerà un aggravio della spesa pubblica, per cui non è più rinviabile il coinvolgimento del cittadino in un’ottica di maggiore attenzione e responsabilità nell’uso del ‘bene farmaco’.      
In Italia si sprecano ogni anno circa un miliardo di unità posologiche: questo vuol dire che ogni famiglia detiene quantità eccessive di farmaci che non vengono utilizzati e che, eliminati alla scadenza tra i rifiuti ordinari, contribuiscono all’inquinamento ambientale. A volte invece si ha un uso eccessivo di farmaci, nell’illusione di guarire meglio, per cui complessivamente si hanno danni sia economici che ecologici e anche danni alla salute dei cittadini”.

Sono previsti gli interventi di: Dr. Antonio De Angeli, psicologo “La relazione con il bambino durante la malattia”; Dr.ssa Elena Bianchini, neuropsichiatra infantile “I farmaci in età evolutiva: criteri per l’uso”. Dr.ssa Fiammetta Mozzoni, psicologa “Gli aspetti psicologici nel trattamento farmacologico”; Dr.ssa Alessandra Di Marzio, farmacista “Opportunità e rischi dell’automedicazione”. Modererà l’incontro la Dott.ssa Lia Bruschi, responsabile URP ASL 1 di Massa e Carrara. Interverranno Patrizia Menchini e Marina Pratici in qualità di genitori. È possibile prenotare il pranzo rivolgendosi alla segreteria dell’A.Ge. all’interno della sala del convegno. Per informazioni: 347 4744656.        

Joomla templates by a4joomla