LA PETIZIONE
per mantenere la figura del

RAPPRESENTANTE DI CLASSE

 

4.432 firme già inviate

alla VII Commissione della Camera


Rappresentante di classe: ecco come sparisce 

Consiglio d'istituto: le novità 


Il commento su Youtube

L'intervista (Tele Padre Pio)

 
1a scadenza, per il voto alla Camera: 12 giugno 2012
2a scadenza, a scanso di sorprese agostane: 30 giugno 2012
(ancora non hanno votato, affrettati a spedire)
3a scadenza, per l'invio al Senato: 31 ottobre 2012

 

 

COME INVIARLA: la petizione va stampata fronte retro, compilata in modo leggibile e fatta firmare. Il foglio della petizione va inviato a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dopo averlo scannerizzato in formato .pdf o .jpg (a bassa risoluzione). Se ti è possibile, metti per favore il nome della tua città (e della tua scuola) nel nome del file.
Se preferisci, puoi inviare direttamente i fogli firmati alla Segreteria AGe Toscana presso AGe Argentario, via Baschieri 63, 58019 Porto S. Stefano.

Diffondi l'evento su Facebook
Segui gli aggiornamenti su Twitter (@AgeToscana).



Purtroppo è vero: la nuova proposta di riforma degli Organi collegiali della scuola sta per CANCELLARE la figura del Rappresentante di classe (PdL n. 953 art. 6 c. 3). E non solo: si ridimensiona anche il ruolo del Consiglio d'Istituto!

Noi genitori non siamo d'accordo e per questo abbiamo preparato una

PETIZIONE IN DIFESA DEI RAPPRESENTANTI DI CLASSE

E PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DEI GENITORI NELLA SCUOLA


Se vuoi difendere il ruolo dei genitori nella scuola ti invitiamo a firmare e far firmare la petizione e inviarcela al più presto.

ISTRUZIONI: la petizione va stampata fronte retro, compilata in modo leggibile e fatta firmare. Il foglio della petizione, il più possibile completo di firme, va inviato a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dopo averlo scannerizzato in formato .pdf (a bassa risoluzione) o .jpg, nei tempi più brevi possibile. Se preferisci, puoi inviare direttamente i fogli firmati alla Segreteria AGe Toscana presso AGe Argentario, via Baschieri 63, 58019 Porto S. Stefano.

ATTENZIONE: per non perdere tempo prezioso, vista la velocità con cui si muove il Parlamento su questa Legge, è bene che i fogli ci arrivino a getto continuo. Se poi un foglio non è del tutto completo di firme, non importa: meglio inviarlo subito che aspettare troppo.

1a scadenza, per il voto alla Camera: 12 giugno 2012
2a scadenza, a scanso di sorprese agostane: 30 giugno 2012
3a scadenza, per l'invio al Senato: 31 ottobre 2012


Scrivi o chiama se ti occorrono ulteriori delucidazioni o se hai suggerimenti.
Grazie per tutto l'aiuto che potrai dare!

                   I Genitori di AGe Toscana


328 8424375
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
http://www.facebook.com/events/216084065176361/



LEGGI ANCHE:

I dubbi dei genitori sulla proposta di legge 953

L’abolizione dei rappresentanti di classe

L’inserimento delle aziende a scuola


La Proposta di legge 953 con a fronte il testo originario

DA FACEBOOK:

Genitori G. Cena Cerveteri

 

Piuttosto che aiutare la scuola a farla diventare parte integrante della famiglia si cerca di portarla sempre di più al margine di essa. Sarà forse un modo per dare sempre meno voce alle esigenze dei bambini? Noi genitori siamo portavoce delle loro idee, noi genitori dobbiamo fare vedere che la scuola è importante per noi, per farla apprezzare anche a loro. Noi genitori dobbiamo essere parte della Scuola, dobbiamo aiutarla a trasmettere la cultura ai nostri figli perchè permetta loro di crearsi un'identità e un futuro. Ma forse è proprio questo che vogliono impedirci di fare. Crearsi un'identità. E' più facile sottomettere un popolo ignorante. Maria Meduri


Tullia Blundo Altro che autonomia....! Qui mi sembra che si rischi una nuova gerarchizzazione con poca voce in capitolo da parte delle vere componenti della scuola!!!


Maria Letizia Episcopo
La scuola si sta trasformando in un'azienda in cui le leve decisionali saranno in mano ai dirigenti e agli "azionisti"


Ross Aliprandi saluti dai Genitori Tosti In Tutti I Posti ONLUS :)



Carissimi Amici di Ponte dell'Olio, avete visto la nostra petizione a difesa del rappresentante di classe? La proposta di legge recentemente approvata dalla VII Commissione della Camera l'ha abolito e ora stanno per votare definitivamente e passare il tutto al Senato.

Abbiamo pochissimo tempo e occorrono tante firme: ci date una mano?

Il testo e gli approfondimenti sono disponibili sul nostro sito Agetoscana.it e sulla pagina-evento che abbiamo creato http://www.facebook.com/events/216084065176361/
Aderite! Grazie

Sara Brugnoni Da rappresentante di classe provvedo a inviarVi i fogli!

Sara Brugnoni Dai ragazzi muoviamoci! - Grazie all'AGe sempre in prima linea sui diritti delle/i bambine/i e dei genitori!


Come va la raccolta firme? Noi del comitato genitori del nostro istituto stiamo utilizzando diverse strategie, la prima (con cui forse abbiamo raccolto maggiori risultati rispetto al tempo e allo sforzo impiegato) è stata quella di raccogliere le firme fra i genitori delle classi dei nostri figli, poi c'è stato ovviamente un tam tam e diversi genitori si sono attivati in analogo modo e ora stiamo raccogliendo qualche altro foglio riempito.

La seconda idea è stata quella di mettere un banchetto. Non avendo un preside collaborativo con i genitori non abbiamo potuto metterlo nel cortile della scuola (negli orari di uscita), ma fortunatamente ci appoggiamo ad un centro socioculturale che ha sede proprio di fronte ad uno dei cancelli della scuola e abbiamo potuto sistemare un tavolino proprio appenda dentro il cancello di questo centro. Il risultato al di là delle firme è stato anche quello di dare visibilità al comitato genitori e alla possibilità per noi genitori di essere attivi rispetto al mondo scolastico.
Per il resto sta continuando il tam tam via mail, via facebook, con il passaparola anche per cercare di far giungere le informazioni ad altre scuole.

Altre considerazioni: parlando con le insegnanti mi sto rendendo conto che questa riforma non è affatto conosciuta, né c'è la consapevolezza che ci sia una riforma in atto. Il modo in cui questa riforma sta passando è un modo silente tanto che neppure gli operatori del settore (i docenti) si sono resi conto di questo imminente cambiamento. La riforma degli organi collegiali sembrerebbe cosa marginale rispetto ad altre recenti riforme che hanno avuto maggiore risonanza mediatica e invece è proprio la riforma più subdola, quella che minerà alla basi il concetto stesso di scuola pubblica. Ovviamente i media non ne parlano e purtroppo, come spesso accade, ciò che non appare in TV (e neanche sui giornali) non esiste. Però tutto questo esisterà eccome e a mio avviso con gravi conseguenze sul diritto allo studio uguale per tutti e persino sulla libertà d'insegnamento.



Ecco un bellissimo scambio di opinioni sulla nostra pagina Facebook dedicata ai rappresentanti di classe e d'istituto


  • Sono schifata nel vedere che quasi tutte le persone che ho invitato hanno rifiutato l'invito..tutti se ne fregano di tutto, come sempre..del resto siamo in Italia e ho invitato italiani!
      • alt
        Fausto Ori In questo caso si può dire che ognuno ha quello che si merita. Ma io vado avanti perché confido nelle persone come te, perché siamo in tanti.
      • alt
        Cristina Bianchini Anche parte delle mie hanno rifiutato l'invito, ma come Fausto sono convinta che per una che rifiuta ce ne siano due che accettano!
      • alt
        Sally Avesani Cristina per quel che mi ritarda, spero di essere un caso isolato, hanno rifiutato ca il 90%, altri non hanno nemmeno risposto..cosa resta? Che schifo!..e lo dico da mamma, prima che da insegnante.
      • alt
        Luisella Pasinelli anch'io ho ricevuto vari rifiuti...sono mamma di due figli e con la scuola ho veramente un 'bruttissimo' ricordo e ancora rapporto... per la mia esperienza, i rappresentanti di classe non servono a nulla ,sono stata rappresentante di classe sia io che mio marito ed anche presidente del consiglio d'istituto alle medie inferiori (forse quello è stato il periodo migliore), x gli insegnanti invece, è la bravura, l'intelligenza, e disponibilità individuale che fa la differenza...in caso contrario si vendicano sull'alunno, fanno differenze, simpatia, antipatia ecc...!!!
      • alt
        Anna Boni fatto........anch'io sono rammaricata per chi se ne è fregato della petizione on line da fare per non permettere lo svolgimento della parata del 2 giugno con i nostri soldi invece di devolverli interamente alle popolazioni colpite dal sisma....per evitare il viaggetto del papa a milano, per evitare che il nostro denaro venga usato per buffonate !!!! è on line ci vogliono due minuti !!!!!!!!!!! e tanti pensano che scrivere contro questi "ignoranti" serva a qualcosa.....credo bisognerebbe iniziare ad alzare la voce !!!!!! buona giornata a tutti !!!!!!
      • alt
        Lupo Alberto in questo momento ci sono problemi più grandi del rappresentate di classe......iniziate a firmare petizioni on line contro il 2 giugno e contro i viaggi del papa......)))
      • alt
        Sally Avesani Caro Lupo Alberto quello è già stato fatto e ha l'assoluta priorità ma dato che questa petizione è assolutamente indipendente e nulla toglie ai terremotati e quindi credo sia importante, nella marea di cavolate che offre fb, firmare qui!!!!!!!!!!!!!!!
      • alt
        Sabrina Fabbri Ti credo, visto che io ho mandato circa 90 inviti e solo 1 ha accettato....che tristezza!!
      • alt
        Angela Rigucci Nonostante tutte le difficoltà e le amarezze io ci credo fermamente e vado avanti! :)
      • alt
        Angela Rigucci Ho notato però che quando spiego la PdL nel dettaglio, oltre che il discorso abolizione rappresentanti anche il fatto degli sponsor (che forse è ancora più grave) allora le persone si rendono conto della gravità e firmano senza battere ciglio. La domanda che mi fanno spesso è : perchè questa PdL ? Perchè eliminano i genitori dalla scuola?
      • alt
        Fausto Ori Nulla vieta di poter agire su diversi fronti, caro Lupo Alberto.Ognuno è libero di decidere su cosa e come impegnarsi.
      • alt
        Anna Bini Ci sono tanti fronti importanti per i quali lottare, ma ritengo che la scuola sia la base per una società migliore. Se non salviamo la scuola, rinunciamo al futuro.
      • alt
        Fausto Ori Purtroppo molte persone non sono consapevoli di questo Anna. Per loro pensare al futuro significa pensare al proprio e non quello degli altri.Quello che manca è la cultura civica-educativa, il saper confrontarsi e collaborare con gli altri, unire le proprie diversità di idee per farne una sola in modo da renderla più avvolgente possibile sulla maggioranza dei cittadini, non rimanere schiacciati dalle ideologie troppo asfissianti perché rendono le persone incapaci di ragionare con il cuore. Le nostre idee non devono essere schiave di dogmi o interessi personali ma essere libere di poter asservire al bene comune.
      • alt
        Paolo Chiari Anche a me sono stati rifiutati degli inviti da parte di persone che conosco non solo su fb ma anche nella vita normale. E' vero che in questo momento ci sono problemi molto più grandi del rappresentante di classe e che quindi hanno la massima priorità ma questo problema è nato comunque prima delle ultime emergenze per cui il fatto che lo stesso venga qui esposto, a mio personale parere, non è poi così grave. Fb è un veicolo utilizzato per diffondere notizie di qualsiasi tipo e per il conseguente passaparola. Mi auguro di cuore che tutta la grande ed apprezzabile solidarietà espressa in questi giorni non sia riassunta nella foto che vado ad inserire nel mio successivo post ...
      • alt
        Sabrina Fabbri Fausto Ori sono veramente daccordo con te. Io oltre che rappresentante di classe sono anche presidente del comitato genitori nella scuola di mia figlia. Purtroppo i ragazzi sono circa 860 quindi parliamo di circa 1700 genitori....be' solo di 150 sono riuscita ad avere email e/o cellulare e alle riunioni del comitato siamo presenti non più di 20 genitori: una delusione...la gente se ne frega e il rifiuto di questo evento lo dimostra!
      • alt
        Roberto Forcellini Cara Sally, hai fotografato la cruda realtà, ma chi è abituato a lavorare nel volontariato non si ferma neppure davanti a questo e va avanti. Questi sono i genitori attivi nella scuola. Coloro che malgrado l'indifferenza e le avversità, vanno avanti perchè convinti che la loro azione non andrà perduta.
      • alt
        Roberto Forcellini Cara Sabrina, non so in quale città vivi, ma ritieniti fortunata nel aver raggiunto quei risultati. Io sono presidente di Cdi in un liceo con lo stesso humero di studenti del tuo, ma non posso vantare che una 50na di adesioni per le mail e cellulari, una frequenza di 15 alle riunioni del comitato. Posso però essere soddisfatto di aver creato un collegamento tra Comitato Genitori ed il Consiglio d'istituto, cosa che prima non c'era.
      • alt
        Sabrina Fabbri Ciao Roberto Forcellini, io vivo a Firenze e mia figlia frequenta l'istituto d'arte, diventato adesso liceo artistico. A dire il vero non solo siamo riusciti a creare un collegamento tra CG e CdI ma riesco anche a far partecipare la Preside alle nostre riunioni e soprattutto siamo riusciti ad interagire con i ragazzi.
      • alt
        Roberto Forcellini Ottimo. Qui a Montebelluna (TV) su 5 istituti presenti solo 2 hanno il proprio CG, il mio ed l'istituto Einaudi. Però abbiamo creato il Coordinamento dei presidenti di CdI, del quale i miei colleghi hanno nomiato me coordinatore.
      • alt
        Sabrina Fabbri Qui a Firenze pare che i CG siano un po' piu' numerosi, alcuni sono stati creati anche nella scuola dell'obbligo. Comunque è difficile e ti dirò che avvolte mi viene un po' di sconforto...
      • alt
        Fausto Ori Questo è collaborazione nel rispetto dei propri ruoli! Un gran bell'esempio da imitare. È con il cuore che ci accorgiamo davvero di quello che stiamo costruendo. Uniti per il bene più prezioso che esiste: i nostri figli!
      • alt
        AGe Toscana Cara Sally, spesso le persone rifuggono dalle novità, poi però vedono che altri aderiscono, che si ottengono dei risultati e allora anche loro si fanno avanti. Il volontariato è così, una strada molto in salita, specie all'inizio, ma poi nasce la fiducia e allora si apre il cuore a vedere 'quasi' 3000 invitati (e noi abbiamo 'solo' 800 amici) e soprattutto questi 199 partecipanti, che immaginiamo impegnati a spiegare agli altri genitori e raccogliere firme.
      • alt
        Lia Collini qui stiamo raccogliendo firme su cartaceo... in pochi sono su FB... ma in tanti mi stanno firmando il cartaceo... spero sia ok ugualmente..invierò i fogli insieme prox settimana...spero vada bene...
      • alt
        Enrica Lamberti la stessa situazione di Sabrina Fabbri...750 alunni tra elementari e medie avranno firmato si e no 30 persone...peró, a lamentarsi sono bravissimi tutti
      • alt
        AGe Toscana Non scoraggiamoci, cerchiamo di evidenziare le cose positive e andiamo avanti così. Siamo testardi noi genitori! E sappiate che stiamo andando alla grande ! Grazie di cuore
      • alt
        Paolo Chiari Nella classe della scuola dove va mia figlia sono state raccolte e già inviate le firme, gli alunni sono 25 e le firme raccolte sono 25, qualcuno non ha firmato ma in alcuni casi casi hanno firmato entrambi i genitori, direi che siamo stati ... fortunati ...
      • alt
        Sabrina Fabbri Se consideri che io, in tutta la scuola di mia figlia, circa 1700 genitori, ho raccolto non più di 30 firme....direi che sei stato molto bravo Paolo!!
      • alt
        Paolo Chiari Nella scuola di mia figlia, dove sono poco meno di 500 alunni, hanno distribuito copie dell'informativa e dei moduli di raccolta firme a tutti noi che siamo rappresentanti, ci siamo organizzati con un'altra rappresentante della classe, io ho stampato i moduli e lei ha raccolto le firme, svolgendo così (lei) un grande lavoro, per le altri classi non so come sia andata, a noi tutto sommato è andata bene.
      • alt
        AGe Toscana In effetti fa la differenza se la scuola trasmette le comunicazioni ai genitori oppure no. Dalla tua scuola Paolo sono arrivate tante firme e lo stesso dove la scuola è sensibile oppure un gruppo di genitori si è attivato. Per il resto sta a noi, alla nostra capacità di passare l'informazione ad altri genitori interessati.
      • alt
        Paolo Chiari Devo dire (anche se come esperienza del solo primo anno) che la scuola che frequenta mia figlia "funziona" ...
Joomla templates by a4joomla