Ingredienti per la crostataFare una crostata non è difficile: basta preparare l’impasto di pasta frolla e stenderlo con il matterello fino all’altezza di 4-5 mm. Si imburra uno stampo (meglio se di alluminio o metallo; con il vetro e il silicone la frolla non viene bene) e si cosparge di zucchero semolato, scuotendo finché uno strato leggero di zucchero non aderisce a tutte le parti imburrate. In questo modo a fine cottura si formerà un leggero strato croccante che darà una marcia in più alla vostra crostata.

Per trasportare l’impasto nella teglia senza strappi, infarinare leggermente la pasta e avvolgerla lentamente sul matterello, quindi posarla delicatamente sul bordo dello stampo e srotolare. Per avere bordi netti è possibile recidere la pasta in eccesso mandando avanti e indietro il matterello: la pasta cadrà giù e coprirà solo il fondo e una parte del bordo. A quel punto è sufficiente tagliare una o più strisce dell’altezza desiderata e attaccarle a mo’ di bordo, premendo leggermente per farlo aderire al fondo.

Un altro trucco interessante è quello di cuocere prima la base e poi aggiungere la marmellata e le finiture. Per evitare che la pasta gonfi e che in quel punto cuocia male esistono due strategie: quella di metterci sopra un foglio di carta da forno e uno strato di fagioli secchi, oppure quella di bucare con una forchetta a distanza regolare (2-3 cm). Personalmente preferisco questa seconda soluzione, che è più vicina a quella di mio zio, il quale bucava la pasta con uno strumento simile a un bruschino per i panni, ma fatto di setole d’acciaio.

Come imburrare e zuccherare la teglia     Bucherellare il fondo con una forchetta

Per la cottura si parla indicativamente di mezz’ora a 180°; per esperienza personale posso dire che la pasta frolla è migliore se ben cotta e che un errore comune è quello di cuocerla troppo poco, per cui mi lascio guidare dal profumo e dal colore dorato dei bordi.

Intanto che la base cuoce, si può iniziare a stendere l’impasto (3-4 mm) per ricavarne le strisce di finitura oppure dei biscotti fatti con gli appositi stampini, da usare come decoro. Una volta cotta la base, si può procedere subito con l’aggiunta di marmellata e decorare e con le strisce di pasta frolla messe a losanga oppure con i biscottini.

La frolla è versatile e può essere utilizzata anche come base per crostate di frutta (strato di crema e decoro con frutta di stagione, con copertura di gelatina per torte) oppure per una gustosa torta di S. Valentino (base a forma di cuore, ricoperta di uno strato di crema chantilly e uno di fragole).


Forse ti interessano anche i biscotti di pasta frolla

Joomla templates by a4joomla