Di fatto alcuni Forum provinciali ancora non sono stati istituiti e molti altri hanno stentato a decollare. Il motivo va ricercato in due fattori principali: l’assenza di finanziamenti specifici e la mancanza di indirizzi operativi. Laddove è stato possibile reperire fondi, i Forum hanno attivato corsi di formazione per genitori, trattando argomenti come la riforma della scuola, internet, i giovani e la droga, ma si è trattato di esperienze sporadiche, che si sono esaurite al finire dei finanziamenti.

Altri Forum invece hanno puntato sulla formazione dei genitori impegnati negli organi collegiali (rappresentanti di classe e membri dei consigli di istituto). Questa si è rivelata una scelta particolarmente felice, in quanto non necessita di particolari finanziamenti, ma si appoggia sull’esperienza maturata dagli stessi membri dei Fopags all’interno degli organi collegiali della scuola e nelle Associazioni. I genitori rispondono con inaspettato entusiasmo, perché hanno finalmente modo di condividere dubbi e difficoltà, di mettersi in rete con altri genitori nelle loro stesse condizioni e di trovare alcune risposte.

Il Forum Nazionale in questi anni ha provato ripetutamente a proporre obiettivi e iniziative come la Giornata europea dei genitori e della scuola, i quaderni di educazione alla salute e le buone pratiche di collaborazione scuola-famiglia, ma sono stati accolti tutti con tiepido entusiasmo.

Quello che è mancato è stata soprattutto la formazione: chi fra di noi ha avuto la possibilità di parteciparvi, ricorda l’entusiasmo suscitato dai quattro incontri di formazione organizzati dal ministro Moratti negli anni 2004 e 2005. Si trattò purtroppo di interventi isolati e declinati più sotto l’aspetto della formazione teorica (la riforma) che sotto quello della concretezza operativa (come coinvolgere i genitori, cosa proporre ecc.).


<<   
 capitolo successivo>   >>



Joomla templates by a4joomla