InsegnanteScherzi dell’estate: a pochi giorni dall’avvio del nuovo anno scolastico, ancora mancano all’appello le cattedre di tempo pieno per Firenze promesse a fine luglio dal ministro Mariastella Gelmini e dal sindaco Matteo Renzi. Mentre l’ufficio scolastico si affanna a nominare tutti gli altri insegnanti, dal Ministero di viale Trastevere ancora nessuna notizia a proposito dei dieci posti che dovrebbero garantire il tempo pieno ai bambini del capoluogo toscano.
E mentre i due si affanneranno a tenere fede agli impegni presi, ci auguriamo che una uguale tutela operi anche a favore degli altri alunni della Toscana che hanno subito i tagli.

“Siamo ad agosto ormai avanzato –dichiara Rita Manzani Di Goro, presidente dell’Associazione Genitori A.Ge. Toscana- Non dubitiamo tuttavia che il ministro Gelmini e il sindaco Renzi si attiveranno in ogni modo per mantenere gli impegni presi pubblicamente. Come genitori vorremmo che un uguale impegno fosse profuso per i bambini delle altre 46 classi rimaste escluse dal tempo pieno nella provincia di Firenze, e anche a favore dei ragazzi delle superiori, che subiranno tagli altrettanto pesanti”.

A fine luglio, comune di Firenze e ministero dell’Istruzione resero pubblico un accordo secondo il quale, a fronte di un numero di insegnanti contingentato a livello regionale, alla città di Firenze sarebbero state assegnate dieci cattedre in più per soddisfare le richieste di iscrizione al tempo pieno.
Per le altre 14 sezioni non coperte dall’accordo, come dichiara lo stesso comune di Firenze “il tempo pieno sarà coperto grazie all’impegno profuso dai dirigenti scolastici fiorentini che sono riusciti a coprire il fabbisogno di ore utilizzando gli insegnanti a disposizione anche se questo comporterà uno ‘spezzettamento’ dell’orario che sicuramente non va a vantaggio della qualità dell’insegnamento”.

Come sempre accade in Italia, la faccenda da scolastica ha fatto presto a diventare politica e si sono persi gli esatti confini della vicenda, fatto sta che bambini e ragazzi sono tutti uguali, che quello all’istruzione è un diritto e che (grazie anche al ritardo di un mese delle iscrizioni e agli esiti del ricorso al Tar sulla riforma della scuola superiore) per la prima volta dopo molti anni il suono della prima campanella troverà molti posti di insegnante ancora scoperti.

Intanto l’assessore all’educazione del comune di Firenze, Rosa Maria Di Giorgi, dichiara a Lady Radio che il decreto di assegnazione dei docenti sta arrivando e che si sta valutando di assegnare alcune cattedre in più anche in provincia.

”Visto che la Toscana è una regione virtuosa –conclude Di Goro- con uno dei più alti rapporti fra numero di alunni e istituzioni scolastiche, con conseguente considerevole risparmio per le casse statali, troveremmo equo avere qualche insegnante in più per i nostri figli e soddisfare così almeno in parte le richieste delle famiglie. Fermo restando che i bambini sono tutti uguali e che i tagli sembrano davvero eccessivi ovunque”.



Leggi anche:

Come coinvolgere i genitori

Consulenza didattica



LA RASSEGNA STAMPA:

a scuola di bugie  -  pdf  
Aetnanet  -  pdf  
Agenzia ASCA  -  pdf  
Agenzia Fidest  -  pdf  
Blogosfere  -  pdf  
ConfiniOnLine  -  pdf  
Coord. Genitori Sesto F.no  -  pdf  
Easy News Press Agency  -  pdf  
EDScuola Board  -  pdf  
Feedelissimo  -  pdf  
Gilda Venezia  -  pdf  
Giornale di zona  -  pdf  
Il Corriere del Web  -  pdf  
Il Taggatore  -  pdf  
La Tecnica della Scuola  -  pdf  
Mail Amici  -  pdf  
Mergendo  -  pdf  
Nove da Firenze  -  pdf  
Orizzonte Scuola  -  pdf  
Scuola Magazine  -  pdf  
Scuola Oggi  -  pdf  
Sordi on line  -  pdf  
Virgilio  -  pdf  
Welfare Italia  -  pdf  
Wikio  -  pdf  
Yahoo Notizie  -  pdf  





Joomla templates by a4joomla