da pulcinella291.forumfree.itSegnali inquietanti quelli che provengono dal mondo della scuola: altri tagli in arrivo (come se non fosse bastata la severa forbice precedente) e una proposta di legge, la 953, che ridisegna gli organi collegiali dando diritto di voto alle aziende e cancellando i rappresentanti di classe. A preoccuparsi sono i genitori delle Associazioni toscane impegnate nella scuola (AGe, AGeSC e CGD), che, riuniti in Forum, hanno deciso di lanciare un grido di allarme.

 

In verità il Ministro Profumo aveva promesso che altri tagli non ci sarebbero stati e si era anche in parte sbilanciato rispetto al mantenimento dei posti ridotti a causa del protrarsi dell'effetto della manovra Gelmini. Le classi che concludono il ciclo della scuola primaria funzionano infatti a 30 e 33 ore, mentre le classi in ingresso sono di norma a 27 ma, invece di reinvestire in tempo scuola il risparmio ottenuto, si ricusano le nuove richieste di tempo pieno e si parla addirittura di fare manovre al limite del collasso amministrativo, come accorpare le segreterie di più scuole e rimandare in classe i docenti distaccati, che sostengono una parte non trascurabile del lavoro degli Uffici scolastici, ormai in penuria cronica di organico.

 

"Indubbiamente si risparmia a non fare manutenzione -commenta Claudio Borghesi- ma l'esperienza insegna che poi i nodi fanno presto ad arrivare al pettine e allora son dolori. A nostro avviso da troppo tempo la scuola è stata oggetto di tagli in modo eccessivo e proseguire ulteriormente in questa direzione appare a noi Associazioni del Forum della Toscana una politica miope e poco produttiva, che in prospettiva può portare al collasso dell'intero sistema scolastico". Borghesi è vicepresidente dell'associazione AGe Firenze e da pochi giorni ricopre anche il ruolo di coordinatore del Forum regionale delle Associazioni dei genitori toscani impegnati nella scuola.

 

"Con i colleghi di AGeSC e CGD anche noi dell'AGe siamo molto preoccupati per la Proposta di legge n. 953 sul rinnovo degli organi collegiali -prosegue Borghesi- Ci pare pericoloso che ditte private possano partecipare al Consiglio d'istituto con diritto di voto, mentre i rappresentanti di genitori e studenti vengano estromessi dai consigli di classe. Quanti interessi potranno scatenarsi intorno a un istituto tecnico o a un professionale? quanto resteranno abbandonate le scuole primarie che sono universalmente riconosciute essere il fiore all’occhiello della scuola italiana? Se l'ottica è quella di far entrare i privati per ridurre ulteriormente il finanziamento dello Stato, allora c'è davvero di che preoccuparsi".

 

L’altra battaglia comune delle Associazioni toscane dei genitori è quella in difesa del rappresentante di classe che, genitore o studente, sta per essere spazzato via dalle scuole di ogni ordine e grado. "Noi siamo per un rilancio del ruolo dei genitori nella scuola -conclude Borghesi- Lo abbiamo dimostrato con il nostro impegno gratuito e volontario di anni dedicati alla formazione, informazione e consulenza a favore di chi altrettanto gratuitamente si pone al servizio delle comunità scolastiche del nostro territorio".

 

Per informazioni:

AGe - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 338 3331488

AGeSC - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 335 284572

CGD - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 335 8398232



RASSEGNA STAMPA

a scuola di bugie  

Aetnanet  

Blogo  

Go News 

Il Corriere del Web  

Il Taggatore  

La Tecnica della Scuola  

Libero  

Liquida  

Nanopress  
Newscrawler 
Notizie di oggi  

Orizzonte scuola  

Paperblog  

Quellikelascuola  

Scuola Magazine  

Scuola Oggi  

Treccani Magazine  

Tuttoscuola  

Web in Italy 


Joomla templates by a4joomla